Titolo: Castro/Consiglio comunale ed equilibriodi bilancio
data inserimento : 16/07/2006 14:40:05
Autore : IannucciS.

CASTRO DEI VOLSCI ? Il comune rischia seriamente di non rispettare il patto di stabilit?, obbligatorio per gli enti locali. Questo l?allarme lanciato dai revisori dei conti, che hanno avvertito l?Amministrazione comunale in seguito alle variazioni di bilancio operate dalla giunta appena insediata. Del problema si ? discusso nel consiglio comunale di sabato scorso, durante il quale l?assessore al bilancio Massimo Lombardi ha relazionato sullo stato delle casse comunali. ?Abbiamo trovato un bilancio di normale amministrazione, con una programmazione triennale delle opere pubbliche a dir poco carente. Per questo abbiamo lavorato alacremente, riuscendo a presentare entro i termini molte proposte di finanziamento alla regione. Da qui la necessit? di aggiornare il bilancio di previsione 2006 e il bilancio pluriennale 2006/2008. Le variazioni ? ha concluso l?assessore ? riguardano anche l?acquisto di una nuova macchina per la polizia municipale, le integrazioni salariali agli lsu, i fondi per alcune manutenzioni e per finanziare le attivit? culturali di questa estate?. Un bilancio, insomma, rimodulato secondo le priorit? politiche della nuova Amministrazione, che rischia per? di non rispettare il patto di stabilit?. Se questa eventualit? fosse confermata, il comune rischierebbe grosso. Potrebbero aumentare le tasse ai cittadini, dovranno diminuire le risorse per le attivit? culturali o ricreative e non si potrebbe pi? assumere nuovo personale, o contrarre nuovi mutui. Una situazione allarmante, anche se Lombardi ha spiegato: ?C?? il rischio di non rispettare il patto di stabilit?, ma confermo l?intenzione di mettere in atto tutti i comportamenti possibili per evitare questa situazione. Quando ci siamo insediati ? ha concluso ? buona parte delle risorse a disposizione erano gi? state utilizzate e il margine di manovra ? stato minimo?. Nonostante i rischi manifestati dai revisori dei conti, le variazioni di bilancio sono state approvate dal consiglio comunale. A votare a favore, oltre ai consiglieri maggioranza, anche Claudio Palombi e Ferdinando Lombardi (lista del Buongoverno). Giuseppe Galloni e Gianni Pagliaroli (Impegno Comune) si sono astenuti, dichiarandosi favorevoli ad alcuni provvedimenti, ma contrari ad altri, come la decurtazione delle risorse destinate all?assistenza agli anziani.
Il secondo punto all?ordine del giorno ? passato all?unanimit?. Si trattava di approvare una variante al Piano regolatore per prevedere la costruzione del nuovo ponte in contrada Rio Sacco.

Ciociaria Oggi 9 luglio 2006
------

CASTRO DEI VOLSCI ? Gli amministratori rassicurano: non aumenteremo le tasse. Questo il messaggio, dopo che nei giorni scorsi avevamo riportato l?avvertimento dei revisori dei conti riguardo il mancato rispetto del patto di stabilit? interno. Con un manifesto affisso per le vie del paese, dal titolo ?Procurato allarme?, il sindaco Tonino Borsa e l?assessore al bilancio Massimo Lombardi, accusano chi diffonde ?notizie false e tendenziose generando volutamente allarmismo immotivato nella popolazione?. Il riferimento al nostro articolo, pubblicato dopo il consiglio comunale della scorsa settimana, ? evidente. Scrivono i due amministratori: ?E? falso che il Comune di Castro dei Volsci vuole aumentare le tasse. E? falso che il Comune non potr? assumere personale. E? falso che il Comune non potr? pi? contrarre mutui?. Lombardi e Borsa, inoltre, proseguono: ?Chi scrive sui giornali dovrebbe informarsi sui problemi di cui sta trattando? ed aggiungono: ?E? vero che il Comune potrebbe avere problemi con il patto di stabilit? ma, innanzitutto, sono problemi ereditati dalla gestione commissariale ed ? falso che una conseguenza immediata ed automatica (nessuno lo aveva mai detto, ndr) potrebbe essere l?aumento delle tasse o l?impossibilit? perenne ad assumere personale o a contrarre mutui. Il Comune ? concludono ? metter? in atto tutti gli accorgimenti possibili per rispettare il patto di stabilit??. Doverosa e tempestiva ? stata la rassicurazione ai cittadini di non operare ritocchi all?ins? delle tasse comunali. Un impegno preso ora pubblicamente, che ? garanzia per la popolazione. Ma cosa prevede il patto di stabilit? fissato dall?ultima legge Finanziaria? Per l?anno 2006, il complesso delle spese correnti dei comuni, con esclusione di quelle di carattere sociale, ?non pu? essere superiore al corrispondente ammontare di spese correnti dell?anno 2004 diminuito del 6,5 per cento?, ex art. 1 ? comma 140, lettera a della legge 266/2005. La norma ? stata pensata proprio per frenare il dilagante fenomeno delle spese inutili e non ? certo un merito non rispettarla. In ogni modo, come riportato nell?articolo precedente, chi non si cura del patto di stabilit? pu? incorrere in sanzioni per gli anni seguenti al mancato rispetto. Queste le principali sanzioni: i comuni devono limitare le spese per acquisto di beni e servizi; non possono procedere ad assunzioni di personale; non possono ricorrere all?indebitamento per gli investimenti; non possono contrarre nuovi mutui, salvo aumentare le tasse. Tutto ci? previsto dall?articolo 1, comma 150 della legge 266/2005. Come si vede, non si ? fatta cattiva informazione o allarmismo, bens? si ? sollevato un problema che potrebbe riguardare il bilancio 2007.

Ciociaria Oggi, 13 luglio 2006 - Stefano Iannucci
------------

Leggi il manifesto affisso in paese: www.iannucci.tv/manifesto.htm