Titolo: FESTA DEL VOLONTARIATO
data inserimento : 27/10/2004 11:30:28
Autore : GalloniG.

Parola ai cittadini di Giuseppe Galloni

La manifestazione che ci apprestiamo a vivere ? sicuramente uno dei traguardi pi? difficili che finora l’associazione “Paese Mio” si ? prefissa di raggiungere. Duplice l’obiettivo. In primis dobbiamo dire che l’idea ? nata dalla volont? di rendere merito a chi giornalmente, o saltuariamente, svolge la “professione” di volontario. Lo spirito che anima il lavoro di un volontario non ? quello del ritorno economico ma bens? la voglia di fare qualcosa di buono per gli altri. Molte delle cose che si fanno nel nostro paese, e non solo, hanno come motore trainante la spinta emotiva del volontari. Se si pensa per esempio alle grandi iniziative culturali come il Festival del Folklore e il Presepe Vivente hanno tutte come comune denominatore la fattiva partecipazione di decine di volontari, che tolgono del tempo ai propri impegni famigliari e al lavoro, per realizzare iniziative dal grande spessore culturale e sociale. Per tutti questi motivi ed altri ce ne sarebbero da elencare, abbiamo deciso di dedicare un’intera festa a chi effettua volontariato. Non ci siamo fermati qui. Abbiamo pensato, ed ecco il secondo obiettivo, che oltre ad un momento celebrativo dell’attivit? delle associazioni culturali e non, che operano sul nostro territorio da pi? di un anno, la festa aveva bisogno anche di un momento di vera solidariet?. Ecco perch? ci siamo messi in contatto con Don Andrea e gli abbiamo chiesto se lui poteva farci da tramite, se avessimo raccolto dei fondi, nel trasformare tali sforzi in qualcosa di concreto per le missioni (rimandiamo in merito alla lettera scritta da Don Andrea e sopra riportata). Avuto l’entusiastico consenso del nostro caro amico Don Andrea, ci siamo subito dati da fare e abbiamo organizzato uno stand gastronomico ed uno della Birra, nello stile dell’Oktober Fest-Insieme per le Missioni tanto caro al nostro Don Andrea, nella speranza di poter, non dico eguagliare ma almeno avvicinarci, ai risultati conseguiti dal nostro predecessore. Per dare a Don Andrea la possibilit? di poter cominciare a costruire qualcosa di utile e funzionale in Thailandia, cos? come ha fatto negli anni passati quando era a Castro dei Volsci, abbiamo bisogno di tutto il calore e la partecipazione del popolo castrese. Durante la serata cercheremo infine di effettuare un collegamento telefonico con Don Andrea, certi di avere la palestra della scuola elementare di Madonna del Piano, colma di gente, che gridi insieme a noi : “ Ciao Don Andrea, sappiamo che l? la vita non ? semplice, ma se ti pu? essere di conforto, sappi che i cittadini di Castro dei Volsci, ti portano sempre nel cuore e ti sono sempre vicini con le loro preghiere”.