Titolo: Danneggiato il monumento alla Pace
data inserimento : 13/06/2004 14:11:23
Autore : mastroweb

Purtroppo non ? stata cattiva profezia la mia quando espressi le mie perplessit? riguardo all’integrazione della campana della pace nel monumento commemorativo delle vittime civili e militari castresi della seconda guerra. Le mie ragioni erano principalmente dettate del senso pratico di chi abita e vive il centro storico. Non c’? sorveglianza, i carabinieri o i vigili chi li vede? Non c’? nessun centro di attenzione sulla rocca, quindi il sacro luogo dei monumenti e del ricordo ? diventato di notte preda di oziosi, scapestrati, sfaccendati, amorali giovinastri dei quali uno dei migliori passatempi ? fare danno alle cose o bere birra e quant’altro buttando i resti di sotto. Alla riunione della pro-loco nella quale si presentava il progetto dell’intera commemorazione compreso l’innalzamento della campana, osservai che mettere una campana li, a portata di mano, incustodita, era come mettere un drappo rosso davanti al toro.
Cosi ,purtroppo ? stato. Non sono passati che una decina di giorni che questa notte nel tentativo di suonare la campana , un’idiota, di certo, si ? appeso al bordo superiore del monumento per salire a suonarla , ma il bordo (svariati chili di marmo) si ? staccato e gli ? franato addosso. Secondo me, l’ignoto imbecille ha rischiato la vita, ci sono infatti svariate macchie di sangue nel tragitto dal monumento alla vicina fontana. In conclusione, un plauso al nuovo monumento, ma da solo non basta, in qualche maniera bisogna urgentemente proteggere e sorvegliare la campana, e con essa quei luoghi spesso soggetti ad atti di vandalismo gratuito. (vorremmo vedere inoltre completata la stele che raccoglier? l’epigrafe ed i nomi dei caduti rimossi dal vecchio monumento alle vittime della II guerra)

Ercole De Angelis